La bufala frequente dei Comitati No-Biogas

Home/News/La bufala frequente dei Comitati No-Biogas
  • La bufala frequente dei Comitati No-Biogas

La bufala frequente dei Comitati No-Biogas

Latina, 31 marzo – Ecco la bufala dei Comitati No-Biogas: “Il GSE dice che il 64% degli impianti a biogas italiani sono irregolari“. Nell’ambito dei movimenti “no-biogas” circola da tempo una leggenda metropolitana, secondo la quale il GSE (Gestore Servizi Energetici) avrebbe dichiarato che il 64% degli impianti a biogas in Italia sono irregolari: FALSO!

Il giorno 16 Dicembre 2015 presso la sede della Commissione Parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti della Camera dei Deputati, è stato sentito il Presidente e Amministratore delegato di Gestore Servizi Energetici spa, Francesco Sperandini.

La Commissione Parlamentare aveva chiesto al GSE se vi fossero accordi con soggetti pubblici o privati relativi alla produzione di energia nel sito di Malagrotta; se fossero stati richiesti ed erogati incentivi agli stessi soggetti, e in caso positivo, quali fossero i soggetti coinvolti.

Nell’ambito dell’audizione, il presidente Sperandini ha dichiarato che nel 2014 il GSE ha effettuato una serie di verifiche sugli impianti da Fonte Rinnovabile (FER) evidenziato che su circa il 10% delle verifiche fatte su impianti fotovoltaici si riscontravano delle irregolarità, mentre sulle verifiche fatte presso altri impianti da fonte rinnovabile (eolici, idroelettrici, geotermici, biomasse, biogas), diversi dal fotovoltaico, le irregolarità erano circa il 64%.

Per circostanziare l’attività svolta dal GSE (*): le verifiche fatte nel 2014 sono state 3731; il numero degli impianti presenti in Italia da fonti rinnovabili nel 2014 erano 656.365, di cui 648.418 impianti fotovoltaici e 7.947 impianti diversi dal fotovoltaico (eolici, idroelettrici, geotermici, biomasse, biogas).

Da ciò si evidenzia che la percentuale dei controlli vs impianti FER in Italia nel 2014 è stata pari a 0,57% sul totale degli impianti e del 6,83% per quelli diversi dal Fotovoltaico, ovvero 543 controlli effettuati. Considerando che il 35% delle verifiche hanno interessato impianti a Biogas ne consegue che sono stati controllati 190 impianti, quindi si può solo affermare che il 64% dei 190 controllati é risultato irregolare, non il 64% di tutti gli impianti a biogas Italiani (oltre 1700).

Da notare inoltre che le verifiche del GSE sono di natura prettamente tecnico/amministrativa(**) e non relative a problematiche ambientali.

Pertanto l’assioma che la presenza di eventuali impianti irregolari, cosi come evidenziata dal GSE, costituisca un pericolo per la salute pubblica è totalmente privo di qualsiasi fondamento.

(*) Fonte: Attività di Verifica e Ispezione nel 2014 a cura Direzione Verifiche e Ispezioni GSE – Marzo 2015-
(**) si tratta in massima parte di verifiche relative alle modalità di accesso agli incentivi.

22/09/2017|News|